Voto elettronico

INTRO A seguito dell'ampia revisione della logica del voto elettronico e della definizione di una tabella di marcia per l'implementazione, il team di Thrupny ha sintetizzato un piano. Guarda il prequel nel blog di accompagnamento (vedi sotto)

TRE PROGRAMMI 3 X 3 X 3 PER ATTUARE IL VOTO ELETTRONICO


3 I problemi 3 Soluzioni fornite in 3 Mesi


BENEFICI DEL VOTO ELETTRONICO

Prima di approfondire il modo in cui ci proponiamo di raggiungere questo compito apparentemente difficile, diamo un'occhiata al PERCHÉ:

  • RESILIENZA - se nient'altro si attacca alla pandemia di Covid, la necessità di resistere a tutti i tipi di catastrofi dovrebbe essere molto più alta nelle menti delle persone e nel focus politico. Il voto elettronico consente di votare senza la necessità di spostare le persone votanti, il che sarebbe lo stesso in caso di guerra, inondazioni o altri eventi pandemici.
  • DISTANZE SOCIALI - come ha dimostrato questa pandemia e anche altre situazioni esistenti come nuvole di cenere, a volte le persone non possono riunirsi, in queste situazioni, per esprimere i propri desideri, sia a livello di club, governo locale o nazionale.
  • ENFRANCHISCE I DISABILI, GLI OSPITALIZZATI E GLI ANZIANI - alcune persone hanno un distanziamento sociale strutturale incorporato nella loro vita in modo permanente o per un periodo di tempo, ma non dovrebbero essere penalizzati per questo.
  • RAGGIUNGERE I GIOVANI - un tema comune è stata la privazione dei diritti dei giovani nel processo decisionale locale o nazionale. L'utilizzo della tecnologia digitale è un modo per tentare di migliorare il coinvolgimento dei giovani poiché viene servito direttamente sui loro dispositivi digitali. Inoltre, sebbene siano state sollevate questioni di inesperienza, potrebbe essere una soluzione che può essere trovata dando ai giovani responsabilità in questioni di criticità di livello inferiore, che il voto elettronico fornisce la granularità per essere in grado di fare.
  • RIDURRE LA FRODE DEL VOTO: le tecnologie di cui stiamo parlando, basate sulla blockchain ma incluse altre, consentono un livello completamente nuovo di trasparenza, udibilità e dati affidabili che semplicemente non erano possibili con i sistemi digitali prima.
  • RIDURRE L'IMPATTO AMBIENTALE - come la pandemia del Corona virus e il conseguente blocco globale hanno finalmente dimostrato in modo definitivo e visibile, l'impatto degli esseri umani che viaggiano è estremamente significativo per il nostro ambiente. Consentire alle attività di voto di essere remote, insieme a molte altre attività ufficiali, può aiutare.
  • GRANULARITÀ - oltre ad essere la nostra parola preferita, è uno dei nostri vantaggi preferiti del nuovo mix di tecnologie digitali, il che significa che in questo caso il voto può avvenire più frequentemente e per piccoli blocchi di decisioni rispetto alle attuali precessioni cartacee.

Quindi ora analizziamolo ... ma prima di farlo facciamo solo un'altra cosa, stabiliamo alcune regole di base. Quando parliamo di voto, come nella nostra precedente lunga diatriba, non stiamo parlando solo di elezioni nazionali, ma anche di qualsiasi espressione di desiderio o di voto di minore autorità. Inoltre, quando diciamo implementato in tre mesi, questo include l'analisi di base della situazione specifica, l'integrazione delle normative locali e, soprattutto, l'identificazione degli stakeholder che garantiranno la credibilità del sistema di voto.

Inoltre, non dimentichiamo che la politica con P grande e piccola avrà un impatto sia sulle caratteristiche che sulle tempistiche, ma questa è l'arte del possibile, a nostro avviso, notare che altri fattori potrebbero prendere parte:

QUALI SONO I TRE PROBLEMI E LE RISPOSTE

  1. SVOLGIMENTO VELOCE E SICURO - Oggi l'identità elettronica non esiste in molte giurisdizioni RISPOSTA KYC
    • Il concetto è semplice; le autorità di regolamentazione finanziaria di molti paesi oggi consentono la creazione di conti bancari utilizzando applicazioni digitali Know Your Customer remote. Questo può essere utilizzato per avviare rapidamente il voto digitale perché non richiedono ulteriore amministrazione oltre alla registrazione delle applicazioni KYC.
    • Poiché gli standard KYC sono già regolamentati dalle autorità di regolamentazione dei servizi finanziari, ciò fornisce probabilmente una garanzia sufficiente per identificare le persone.
    • Una visione chiave è che la maggior parte dei paesi o delle autorità hanno già un censimento e altri elenchi certificati che includerebbero la stragrande maggioranza delle persone che votano.
    • Pertanto, utilizzando una combinazione di KYC, convalida automatizzata dei sistemi di registrazione e un altro strumento, l'apprendimento automatico, è possibile creare rapidamente un sistema che offre un'elevata certezza della sicurezza del voto individuale.
  2. GARANZIA DI IDENTITÀ - Come garantiamo l'unicità del voto ANSWER Digital Identity o da un eID nazionale esistente o creato da KYC
    • Le convalide di cui sopra garantiscono l'unicità dell'elettore, in altre parole il cittadino o l'individuo autorizzato a votare nel contesto dato, e consentono al voto elettronico di iniziare ora nell'attuale mondo dell'identità basata sulla carta mentre i paesi adottano e distribuiscono l'identità dei dettagli.
    • Dobbiamo anche garantire che questa identità sia disponibile in diversi momenti, poiché la registrazione, la votazione e l'eventuale verifica delle votazioni possono avvenire in momenti diversi.
    • Per mantenere la continuità, utilizziamo un framework di identità digitale, basato su un registro blockchain, molti dei quali sono disponibili oggi sul mercato. Questi garantiscono che un'identità digitale sia mantenuta sicura e di proprietà dell'elettore, evitando quindi ripetute convalide KYC.
  3. GARANTIRE VOTI UNICI - Come garantiamo che i funzionari elettorali, gli incumbent o gli hacker non possano imbrogliare il registro blockchain di ANSWER detenuto da tutte le parti interessate nazionali
    • Ora dobbiamo garantire che i voti siano unici e registrati indipendentemente dalla posizione, dal partito, dobbiamo assicurarci che il loro VOTO sia unico e che la memorizzazione di quel voto sia considerata attendibile da tutte le parti interessate, compresi i funzionari di voto, le istituzioni, gli elettori, le autorità di controllo.
    • Qui è dove la blockchain è davvero forte. Creando un registro distribuito tra gli stakeholder o uno che gli stakeholder riconoscono, una "copia" dei record di voto viene archiviata in ciascuno degli ambienti controllati dagli stakeholder. Ciò significa che tutti hanno una nuova copia in tempo reale di tutte le transazioni di ogni voto, inclusa l'identità (anonimizzata o meno come richiesto), i tempi e altri parametri utili come la posizione. 
    • Gli audit possono essere effettuati durante e dopo la votazione in qualsiasi momento da qualsiasi parte.
    • Un registro blockchain può essere impostato in diversi modi:
      • Utilizzare un registro pubblico già esistente, questo fornisce sicurezza da un gran numero di copie dei record di voto (resi anonimi dove necessario)
      • Prova a utilizzare una blockchain governativa o di altro ente di fiducia, se esiste
      • Utilizza anche una blockchain configurata specificamente per il voto nel contesto dato, per questo, i candidati per ospitare un nodo blockchain o una copia potrebbero includere:
        • Vari enti governativi operativi rilevanti
        • Enti di controllo o di regolamentazione 
        • Organismi di regolamentazione legale e / o finanziaria che fissano standard o sono chiamati a indagare su questioni
        • Organismi indipendenti accreditati con focus rilevante, come i think tank anticorruzione
        • Organizzazioni rappresentative di cittadini o membri votanti
        • Partiti politici
        • Autorità preposte all'applicazione della legge o organizzazioni di sicurezza chiamate a indagare sui problemi
    • Anche i cittadini possono avere una copia per delega riservata per loro (gestita da una biblioteca o un'associazione indipendente) o anche potenzialmente una copia del registro delle votazioni sui loro dispositivi (oggi esistono blockchain che supportano gli smartphone).

COME PUO 'ESSERE CONSEGNATO IN TRE MESI?

Bene, prima concludiamo questa conversazione dicendo che tre mesi sono la tecnologia e il lancio per essere pronti per le prime prove. Non significa prima elezione nazionale generale in quel momento perché, sebbene fisicamente possibile, non è prudente proporre un sistema completamente nuovo senza prima prove su esercizi meno delicati, come menzionato nella nostra precedente lunga diatriba.

Se mescoliamo anche tutta la politica e la mancanza di fiducia emesse associate a chi propone il voto elettronico e la generale incomprensione della popolazione sulla tecnologia proposta e abbiamo un falò di dibattito che durerà negli anni. Da qui il nostro approccio graduale proposto.

Sul lato positivo, tuttavia, la sequenza temporale è costituita dagli studi per fornire una soluzione personalizzata dai componenti open source esistenti, un elenco dei quali possiamo fornire felicemente e che può variare a seconda della situazione.

Quindi i punti principali sono:

  • Esistono già regolamenti in molti paesi, ad es. firma elettronica, riservatezza dei dati, ecc
  • Tutte e 3 le tecnologie esistono già
  • Tutte le tecnologie sono open source
  • Ogni stakeholder deve ospitare solo un piccolo server, alcuni stakeholder possono essere co-ospitati, ad es. elettori
  • La sicurezza con blockchain è nel numero di copie detenute dalle parti interessate non sistemi complessi altamente sicuri
  • L'interfaccia avviene tramite un'app mobile o web e i non utenti possono essere gestiti tramite hub di votazione centralizzati, come i seggi elettorali odierni (si noti che il voto elettronico distribuisce il voto ovunque l'elettore desideri farlo
  • Quindi coloro che non possiedono uno smartphone possono comunque votare tramite PC o tablet presso un centro di votazione locale con la distanza sociale in atto

Ora esattamente come si mescolano queste tecnologie è la salsa segreta che saremo felici di condividere con chi mai è interessato.

ALLORA, QUAL È IL PROSSIMO?

Ovviamente puoi chiamarci e avviare una discussione sull'implementazione del voto elettronico.

Ma tu chi sei? Uno dei seguenti elementi potrebbe implementare il voto elettronico:

  • Governi federali, nazionali e regionali
  • Istituzioni di regolamentazione
  • Associazioni o enti costituiti con voto di adesione
  • Società per il voto degli azionisti
  • Istituzioni di beneficenza
  • Associazioni locali o no profit

Siamo lieti di consigliarti con indipendenza tecnologica o progettare il tutto per te sulla base di componenti collaudati.

O semplicemente agisci, ma per favore prendi sul serio queste idee, possono aiutare in modo massiccio.

Ovviamente ci piacerebbe anche ascoltare le tue storie sul voto elettronico.

Blog collegato:

Voto digitale basato su blockchain, una roadmap di implementazione